Gravina, caos rifiuti organici: risponde il sindaco. La Dusty: “Non tocca a noi trovare soluzioni”

Abbiamo raccolto la vostra incredulità, quella di tutti i cittadini gravinesi, all’indomani dell’annuncio comunicato dal sindaco sull’impossibilità di conferire i rifiuti organici e umidi e abbiamo chiesto spiegazioni per quella che appare una situazione paradossale e difficilmente risolvibile da ogni singola famiglia, quotidianamente. Poche, precise e dirette le domande, in primis a chi ha il diritto dovere di governare la città.

Sindaco, siamo l’unica città in questa condizione? “No. Nella nostra stessa situazione ci sono tutti i Comuni che conferiscono nell’impianto Raco di Belpasso”.

Perché si è arrivati a questa emergenza? “Il problema è che l’impianto è chiuso fino al 31 gennaio per problemi tecnici, e non esiste un altro impianto disponibile ad oggi in Sicilia. L’altro vincitore della gara della Srr (Società consortile raccolta rifiuti) Catania è la Sicula compost, che però ha tutta la capienza già occupata”.

Conoscevate il problema, il Comune di Gravina era stato avvertito?

“La notizia del prolungamento della sospensione fino al 31 e’ del giorno prima in cui noi abbiamo comunicato la sospensione del conferimento dell’organico”.

Come pensate di risolvere la situazione e in quanto tempo?

“Ci siamo fatti autorizzare dalla srr (Società consortile raccolta rifiuti) a trattare con gli altri impianti non vincitori di gara ma che avevano presentato offerta, impianti fuori Sicilia, vista l’assoluta mancanza qui da noi, e speriamo di risolvere nei prossimi giorni, appena siglati i contratti di conferimento”.

L’uffcio stampa della Dusty ci ha fatto pervenire questa nota: “Noi prendiamo disposizioni dal Comune, per quello che è il nostro ruolo possiamo dire che: Gravina non è l’unica città che ha questo problema, bensì i Comuni della Srr (Società consortile raccolta rifiuti) Area Metropolitana di Catania (circa 30 Comuni, Catania inclusa);

La causa è determinata dall’impianto di conferimento dell’organico che è chiuso per lavori di manutenzione e la Srr non ha trovato ancora, un impianto alternativo. Il problema si è posto nei giorni di Natale e da allora, non si è ancora trovata una soluzione. Ma, guardi non siamo noi che avevamo il dovere di avvisare il Comune, semmai è l’esatto contrario. Le soluzioni devono trovarle la Srr e i singoli Comuni dai quali, noi dipendiamo. Dusty per suo ruolo, non decide cosa fare, quando farlo e come farlo, poiché è un “fornitore del Comune”, deve osservare le disposizioni dell’Ente appaltante. Anche sui tempi di risoluzione del problema non siamo noi che li decidiamo”

E, nel frattempo? Non ci resta che piangere o ridere, se vi pare, magari prendendo spunto da qualche gravinese che, nelle nostre interviste, ha suggerito soluzioni – a dir poco – surreali. (Vedi le interviste) https://www.daygravina.it/2021/01/08/video-gravina-sospesa-la-raccolta-dei-rifiuti-organici-fino-al-31-gennaio-incredulita-tra-i-cittadini-aspettando-indicazioni-dallamministrazione/

Noi, di DayGravina, seguiremo la questione che, evidentemente, oltre al disagio per i cittadini, produrrà anche una spesa di denaro pubblico per “spedire” i rifiuti fuori Regione.