Covid, bollettino 21 gennaio: ancora ferme le vaccinazioni in Sicilia. Lockdown totale a fine gennaio?

Lockdown totale entro fine mese?

Parole durissime del governatore siciliano Nello Musumeci che fanno pensare ad un lockdown totale come estrema misura di contenimento dell’epidemia nell’Isola: “Siamo molto allarmati perché i siciliani non hanno compreso la gravità del momento”. Esplicita la possibilità di una nuova stretta: “Se il contagio non dovesse abbassarsi alla fine del mese adotteremo ulteriori misure restrittive d’intesa con il Governo nazionale”

Il bollettino di oggi.

Secondo i dati del Ministero della Salute sono 1.230 i nuovi casi di Coronavirus diagnosticati nelle ultime 24 ore in Sicilia. 21.609 i tamponi processati. Quindi, si registra un lieve calo rispetto alla giornata di ieri. Il tasso di positività è del 5,69%. In calo anche il numero delle persone decedute, 28.

Aumentano, però, i pazienti ricoverati in terapia intensiva: oggi sono 221, (+6 rispetto a ieri). Calano, invece, i ricoverati nei reparti ordinari: dai 1.459 di ieri, oggi sono 1.436. I guariti sono stati 981. 45.241 siciliani restano in isolamento domiciliare.

La distribuzione per province. Palermo 459, Catania 248 nuovi casi, Messina 127, Trapani 112, Caltanissetta 104, Siracusa 68, Ragusa 36, Agrigento 41, Enna 35.

I vaccinati in Sicilia. Fermi per il terzo giorno. In Sicilia non si vaccinano più persone da tre giorni, le cifre del report governativo, infatti, sono ferme a 94716 siciliani che hanno ricevuto la prima dose di vaccino. Anche le scorte sono invariate a 132085. In Italia sono stati vaccinati complessivamente 1266402 persone.

La situazione in Italia. Sono 14.078 i nuovi casi di coronavirus diagnosticati nelle ultime 24 ore. Alto il numero delle persone decedute: 521. Si registrano più contagi con meno tamponi e il tasso di positività risale al 5,3% (ieri 4,8%).