Gravina, approvato il regolamento per la conduzione dei cani

Il sindaco Giammusso: «In caso di violazioni ripetute, oltre all’applicazione della sanzione pecuniaria, è previsto il sequestro degli animali ai fini della confisca»

Il sindaco Massimiliano Giammusso rende noto che è in vigore il nuovo regolamento sulla conduzione dei cani nel territorio comunale. Il documento è stato approvato dal Consiglio comunale durante la seduta del 29 gennaio scorso convocata dal presidente Claudio Nicolosi. Il regolamento nasce dall’esigenza di assicurare, in primo luogo, l’igiene del suolo pubblico e stabilisce le specifiche responsabilità del proprietario-conduttore del cane.

«Sono state inasprite le sanzioni per chi non ottempera alle disposizioni contenute nel regolamento– ha spiegato il sindaco – a partire dalla rimozione delle eventuali deiezioni del proprio cane e, ovviamente al possesso dell’attrezzatura idonea allo scopo. In caso di violazioni ripetute, oltre all’applicazione della sanzione pecuniaria, è previsto il sequestro degli animali ai fini della confisca e il loro ricovero presso strutture pubbliche».

In tutte le aree pubbliche – recita il regolamento – i cani devono essere tenuti al guinzaglio in misura non superiore a 1 metro e mezzo per evitare di creare intralcio ai passanti e agli altri accompagnatori, così come è obbligatoria la museruola nel caso di cani di indole aggressiva o con problemi comportamentali. Il regolamento stabilisce il divieto d’accesso ai cani nelle aree destinate ai giochi per l’infanzia su tutto il territorio comunale, nei parchi comunali e nelle aree a verde, fatta eccezione per le aree a destinazione cinofila (aree di sgambamento) espressamente previste all’interno dei Parchi comunali (Borsellino, San Paolo e Fasano). All’interno di queste aree i cani di piccola taglia possono accedere liberi dal guinzaglio, mentre per quelli di taglia media o grossa è obbligatorio il guinzaglio.

«Ringrazio il Consiglio comunale e in particolare la V Commissione presieduta dal consigliere Salvatore D’Urso per il lavoro svolto nella redazione del regolamento. Contestualmente – ha concluso il sindaco – l’amministrazione, a cura dell’assessorato all’Igiene Urbana retto da Enzo Santoro, ha provveduto a installare su tutto il territorio comunale specifici contenitori per le deiezioni canine».