Gravina, nuove funzioni nel sito del Comune. Arriva l’app “Municipium”

La comunicazione istituzionale del Comune di Gravina diventa sempre più integrata grazie all’implementazione di nuove funzionalità del sito internet e della nuova app Municipium. «L’obiettivo dell’Amministrazione è quello di avvicinare sempre di più il cittadino alle Istituzioni – ha commentato il sindaco Massimiliano Giammusso – garantendo sempre più trasparenza e facilità di accesso, sia alle notizie che alle informazioni utili che riguardano la vita amministrativa del nostro Comune. Un percorso che abbiamo iniziato sin dal nostro insediamento con l’apertura delle pagine social del Comune, del sindaco, del canale Telegram e dei tabelloni digitali. Anche il sito internet è stato interamente rifatto secondo gli standard del codice dell’amministrazione digitale – ha continuato – adesso abbiamo migliorato ancora la veste grafica e riorganizzato alcune sezioni, al fine di rendere più immediato l’accesso a tutte le informazioni, alle notizie e agli avvisi in primo piano. A completare il quadro di questa nuova fase è l’App Municipium, utilizzata già da oltre 600 Comuni in tutta Italia».

A spiegare i dettagli dalla nuova App è stato l’assessore con delega ai servizi informativi Salvo Santonocito: «L’App Municipium è scaricabile gratuitamente da Apple store, Google Play e dall’app Gallery di Huawei. L’applicazione è intuitiva e adattata per una visualizzazione ottimale su ogni dispositivo, oltre ad essere integrata con il sito web – ha spiegato – in questo modo sarà possibile gestire i contenuti risparmiando tempo e guadagnando in efficienza. I cittadini possono mettersi in contatto diretto con il Comune funzione delle “Segnalazioni”, tramite la quale possono inviare una segnalazione, geolocalizzata e corredata di foto. Allo stesso modo – ha continuato – si possono inoltrare suggerimenti all’Amministrazione tramite la categoria di segnalazioni “Idee e proposte”. Desidero ancora una volta sottolineare lo straordinario lavoro svolto dal 2° Servizio, in particolare dalla responsabile, dottoressa Angela Cro e dai suoi collaboratori».