Un milione e 400mila euro dal Pnrr per lo smaltimento delle acque piovane in città

Il sindaco Massimiliano Giammusso e il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici, Rosario Condorelli, rendono noto che il Comune di Gravina ha ottenuto, dal Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, il finanziamento di un milione e 400mila euro: si tratta di fondi del Pnrr destinati a interventi di rigenerazione urbana e miglioramento del decoro urbano sociale e ambientale. I progetti presentati dall’Ufficio Lavori Pubblici del Comune di Gravina riguardano opere pubbliche di rigenerazione urbana finalizzate al miglioramento della qualità del sistema di smaltimento delle acque meteoriche e quindi alla mitigazione del rischio idraulico.

I fenomeni meteorologici si presentano ormai sempre più frequentemente con maggiore intensità, con alto impatto sul territorio, in termini di danni complessivi subiti dalla popolazione: danni diffusi alle strade comunali, al verde pubblico ma anche alle abitazioni private. I danni che restano sono sempre più importanti e purtroppo hanno causato anche la perdita di vite umane, come la recente scomparsa del compianto Paolo Grassidonio, al quale rivolgiamo un ricordo. L’amministrazione – dichiara Giammusso – aveva già iniziato nel maggio scorso, in tempi non sospetti, a lavorare a questi due ulteriori interventi funzionali al miglioramento dello smaltimento delle acque meteoriche. Queste due opere si aggiungono a quella realizzata in via San Paolo incrocio con via Etnea, altro stralcio funzionale al collegamento con il collegamento con il canale di gronda di Catania”.

A illustrare i dettagli dei progetti presentati e finanziati è stato il vicesindaco Rosario Condorelli: “Si tratta nello specifico delle opere di canalizzazione delle acque piovane nella zona di via Tomaselli, via Di Mattei e via Cannizzaro e un altro intervento per lo smaltimento delle acque meteoriche in via Aldo Moro e via Simili. Questi fondi previsti dal Pnrr sono stati intercettati dall’amministrazione comunale grazie anche anche al lavoro svolto dall’8 Servizio e dal responsabile, ingegnere Marco Scalirò”.