Statuti e regolamenti dei consigli comunali e Legge 30: incontro tra 12 presidenti del coordinamento provinciale

Pubblicato il 17 Febbraio, 2022

Questa mattina dalle 10,30 alle 13 si è svolto nella sala consiliare del Comune di Acicastello un incontro organizzato dal coordinamento provinciale dei presidenti dei consigli comunali riguardanti in particolare gli statuti e i regolamenti dei consigli comunali e la Legge 30 della Regione Siciliana.

Presenti all’incontro i presidenti dei consigli comunali di Gravina di Catania, Claudio Nicolosi, di Camporotondo Etneo, Andrea Zappalà, di Acicastello, Nando Cacciola, di Nicolosi, Marco Sanfilippo, di Valverde, Anna Maravigna, di San Gregorio, Ivan Albo, di Caltagirone, Francesco Incarbone, di Biancavilla, Martina Salvà, di Belpasso, Patrizia Vinci, di Zafferana Etnea, Arianna Santanocita, di Santa Venerina, Giuseppe Grasso, e di Tremestieri Etneo, Sebastiano Di Stefano.

Alla presenza del segretario dei Comuni di Acicastello e Acireale, Mario Trombetta, si è discusso su alcune novità da introdurre negli statuti e nei regolamenti dei consigli comunali e ci si sta muovendo anche per portare in tal senso una proposta all’Assemblea Regionale Siciliana. Uno spazio è stato dedicato anche allo scottante problema relativo al caro bollette e nel futuro immediato ci si riunirà per portare avanti questi progetti, come ha spiegato a noi il presidente del consiglio comunale di Gravina di Catania, Claudio Nicolosi.

“Avevamo più punti all’ordine del giorno – ha detto Nicolosi –, ma l’attenzione è stata concentrata sugli statuti e i regolamenti dei consigli comunali. Oggi ci siamo confrontati anche riguardo all’istituzione di un tavolo di coordinamento intercomunale, che ridiscuteremo il prossimo 26 febbraio al Comune di Valverde. Il segretario Trombetta, che sarà presente anche lui giorno 26, ha parlato anche di una base comune di regole per tutti noi, anche se poi ovviamente ogni territorio ha le sue peculiarità. Grande attenzione è stata riservata anche alla Legge 30, che regolamenta lo status degli amministratori e su questo faremo altri incontri, a cominciare da quello di giorno 26 nel quale discuteremo eventuali novità da introdurre all’interno di essa, che in seguito vorremo sottoporre all’Ars. Oltre a ciò ci faremo anche portavoce di iniziative riguardanti il caro bollette“.